Sexta-feira, 10 de Agosto de 2012

Il genio urbanista di Afonso

 

 
09/11/2010 | admin | Diari di viaggio |

Nadir_AfonsoEd ora un’immersione nell’arte made in Portugal.

 

Saluto il caro Pablo e mi dirigo verso le scale che conducono al secondo piano del Centro Cultural di Cascais, adibito per ospitare, fino al 30 ottobre scorso, una mostra di Nadir Afonso, uno dei più importanti artisti portoghesi del XX secolo. In verità non sapevo chi fosse costui prima d’ora ma il colpo d’occhio dei suoi quadri mi ha affascinato al punto da rendermi necessaria la ricerca di informazioni sul suo mondo e sulla sua storia professionale.

Maestose tele a coprire intere pareti, un marchio fatto di colori forti, come il blu che ricorre quasi sempre, e tinte marcate a rappresentare luoghi non ben definiti, riconducibili ad un possibile immaginario fantastico, se non fosse per alcune didascalie che ci riportano a città vissute come Porto o Mosca. Un’antologia delle sue opere frutto di una formazione che ha toccato vari campi: diplomatosi in Architettura a Porto, Afonso si trasferisce a Parigi dove studia pittura all’École de Beaux-Arts, lavorando in seguito in alcuni importanti atelier come quello di Fernand Léger o di Le Corbusier e in Brasile con Oscar Niemeyer, per poi tornare a casa convinto di abbandonare il suo primo amore, l’architettura. In realtà basta osservare i suoi quadri per capire che questo distacco non si è mai concretizzato realmente: la sua impostazione astratto-geometrica e la sua formazione da urbanista si ripercuote inevitabilmente anche sui lavori pittorici.

È chiara e forte la sua capacità di reinventare, secondo ottiche differenti, contesti e situazioni che non sembrano all’apparenza manipolabili. “L’arte è puramente obiettiva e regolata da leggi che la concepiscono non come atto dell’immaginazione ma dell’osservazione, della percezione e della manipolazione della forma” è il suo pensiero estetico, argomentato in diverse pubblicazioni. L’artista ormai novantenne, applaudito dai critici statunitensi come “uno dei primi fautori dell’astrazione geometrica nel Portogallo”, ha sempre visto nella geometria la vera essenza dell’arte. Per capire un po’ il personaggio Afonso basti pensare a come l’artista mentre progettava case e fabbricati industriali a Porto, al tempo stesso verniciava la città sotto un altro nome, Rodrigues. Una doppia personalità, due facce della stessa medaglia che tendono però a combaciare in armonia, a giudicare dalle sue opere esposte in tutto il mondo, da Lisbona a New York, da Parigi a Berlino passando anche per Rio de Janeiro. A soli 24 anni un suo quadro ad olio, Un Ribeira, è stato comprato dal museo d’arte contemporanea di Lisbona ed ha rappresentato per due volte il Portogallo alla Biennale di San Paolo. Nonostante il successo, Nadir Afonso continua a definirsi “un portoghese dell’entroterra che per tradizione ha imparato ad essere umile, ad elogiare i padroni e a vivere con semplicità”.

 

di Teresa Gentile


publicado por Laura Afonso às 11:14
link do post | comentar | favorito
|

.mais sobre mim

.pesquisar

 

.Agosto 2017

Dom
Seg
Ter
Qua
Qui
Sex
Sab

1
2
3
4
5

6
7
8
9
10
11
12

13
15
16
17
18
19

20
21
22
23
24
25
26

27
28
29
30
31


.posts recentes

. No Centro de Artes Nadir ...

. Nadir Afonso em Chaves

. Nadir Afonso em Castelo B...

. Reflexos no Museu

. Convite

. Figuras fabulosas

. «Nadir Afonso: Arquitetur...

. Exposição - Nadir Afonso,...

. Convite para a exposição ...

. Nadir Afonso: Arquitetura...

. Trágedia

. Serpente

. Ópera

. Sevilha

. Apoie esta Petição. Vamos...

. Vamos salvar o edifício d...

. Destruição da Panificador...

. Lille

. Exposição de Nadir Afonso...

. Ópera

. Visita ao Museu de Arte C...

. Carnavalescas

. Panthéon

. Universidade Suiça de EPF...

. Siena

. O Galo

. Cidade do Sol Nascente

. BOAS FESTAS

. 4 de Dezembro, dia de Nad...

. Parque de S. Paulo

.arquivos

.tags

. todas as tags

.links

blogs SAPO

.subscrever feeds